DERMATITE ATOPICA
La Dermatite Atopica è un'infiammazione cutanea pruriginosa acuta, subacuta o più spesso cronica, frequentemente associata a storia personale o familiare di manifestazioni allergiche (raffreddore da fieno, asma, rinite allergica).
Le cause sono ancora in gran parte sconosciute anche se è chiara l'importanza della componente genetica.
Clinicamente la pelle di un atopico è caratterizzata dalla secchezza e iperreattività e cioè dalla comparsa di sintomi (prurito, arrossamento) anche dopo contatti "banali", come l'esposizione a polveri, al freddo, caldo, umido, al sudore, dopo aver usato detergenti non appropriati, bagni troppo frequenti o contatto con indumenti di lana o fibre sintetiche. Nella fase acuta si manifesta con eczema, e cioè con chiazze rossastre molto pruriginose che si coprono di vescicole e che si trasformano in croste.
Il prurito può essere così intenso da indurre il bambino a grattarsi ferocemente fino a provocare lesioni da trattamento ed anche sanguinamenti ed impedire un sonno tranquillo. Queste lesioni possono facilmente andare incontro ad infezione che rappresenta la complicanza più frequente.
Esistono vari esami sia per confermare l'origine allergica delle manifestazioni cutanee, che per ricercare a quali sostanze o alimenti il bambino è allergico.
La terapia si basa oltre che su vari medicamenti locali e, nei casi più gravi anche farmaci sistemici, anche su alcune importanti regole di vita quotidiana.
Il decorso è comunque cronico-ricorrente con peggioramento in autunno, inverno, e spesso anche in primavera, mentre nella maggiorparte dei casi si assiste ad un miglioramento in estate, soprattutto durante i soggiorni al mare.

Parole chiave:
Allergene: sostanza in grado di provocare una reazione allergica.
Atopia: condizione caratterizzata da una predisposizione alle allergie.

Dott. Egisto Gnucci